Listings Sperimentale

Tutti gli eventi
Santeria Paladini 8
Santeria Toscana 31
Eventi esterni
Archivio eventi
Ingresso libero
Santeria Paladini 8
Sold Out
19 dicembre H:19.30

Santeria Paladini 8 – Volume Dischi & Libri

ALESSANDRA NOVAGA
ELENA KAKALIAGOU

live da VOLUM E

///

Alessandra Novaga è una chitarrista con una solida formazione classica conclusa alla Musikhochschule di Basilea Dopo molti anni trascorsi esclusivamente in ambito classico il suo corso artistico ha effettuato una svolta che l’ha portata a esplorare e a frequentare solo i territori della sperimentazione, della composizione e dell’improvvisazione ridisegnando così il suo rapporto con il suono e la performance. Molto interessata al teatro, opera una ricerca anche in questa direzione creando partiture musicali strettamente legate al testo e alla recitazione collaborando principalmente con Elena Russo Arman, del Teatro dell’Elfo, e con la compagnia Phoebe Zeitgeist. Ha suonato in Festival come Angelica (Bologna), Donaueschinger Musiktage (DE), Himera Festivaali (FN), All Frontiers, Festival dei Due Mondi (Spoleto) e ha presentato i suoi progetti in Europa e negli Stati Uniti. Tra gli altri spazi, Area Sismica (Forlì), Cafè OTO, (Londra), Quiet Cue (Berlino) , e a New York, St. Mark’s Church (IAP, Ontological Hysteric Theatre), Silent Barn, Spectrum, Zebulon e Transient Series. E’ la prima e unica chitarrista in Italia a suonare l’integrale di The Book of Heads di John Zorn. Suona spesso in solo ma le sue collaborazioni passate e correnti includono artisti come Elliott Sharp, Stefano Pilia, Andrea Centazzo, Massimo Falascone, Gianni Mimmo, Sandro Mussida, Patrizia Oliva.

La musicista greco-austriaca Elena Margarita Kakaliagou è una suonatrice di corno francese attualmente residente a Berlino. Partita con il piano, è passata al corno francese all’età di 18 anni. Dopo aver completato gli studi ad Atene con Vangelis Skouras, si è trasferita a KUG-Graz, in Austria, per continuare la sua formazione sotto l’insegnamento di Hector McDonald . Sotto l’insegnamento di Erja Joukamo-Ampuja, Elena ha conseguito il Master presso la Sibelius Academy nel 2010 in corno francese e musica da camera. Durante la sua carriera, Elena ha ricevuto borse di studio da Klangforum, Impuls Academy e Ensemble Modern con insegnanti come Mike Svoboda e Bill Formann.
Il campo di specializzazione di Elena è la musica improvvisata e contemporanea, insieme alla musica da camera classica. Ha suonato con ensemble come Ensemble Linea, Schallfeld e KNM Berlin in festival come Ultraschall Berlin, Maerz Music, Randspiele, Musica Nova, Lá-bas, Musica, Varsavia Autunno, Nuovi Adits, Ultima, Kaleidophon, newadits, Tour de Babel, Sound Live Tokyo. Ha lavorato con artisti come Riikka Innanen, Phill Niblock, James Andean, Ingrid Schmoliner, Katharina Klement, CC Hennix, Robin Hayward, Simon Martin, Matias Guerra, Thomas Noll, solo per citarne alcuni.
Elena è la co-fondatrice del ‘Rank Ensemble’ di Helsinki, il trio austriaco ‘PARA’, il Duo Kakaliagou / Schmoliner, il Duo Guerra / Kakaliagou ed è membro di Zinc & Copper, Zeitkratzer e dell’ensemble di CC Hennix.

Santeria Social Club
31 marzo H:20

Santeria Toscana 31 – Teatro

Santeria e Hard Staff sono felici di presentare, per la loro unica data italiana: LAIBACH The Sound Of Music Tour.

Nel 2015 gli sloveni LAIBACH furono il primo gruppo occidentale a ricevere un invito per esibirsi in Corea del Nord: un fatto storico, di portata culturale enorme e bizzara.
The Sound Of Music è l’album che rappresenta il culmine di quell’esperienza: brani dalla colonna sonora di Tutti Insieme Appassionatamente (il titolo italiano di The Sound Of Music…), l’inno nazionale non ufficiale delle Coree, musica popolare e molto altro vengono filtrate dall’arte di uno dei più originali e controversi gruppo di sempre.
Quel disco (e molto altro) vanno ora finalmente in tour: l’unica data italiana è per Domenica 31 Marzo 2019, qui a Santeria Social Club.

The Sound Of Music esce il 23 Novembre per Mute Records. Durante lo show ci sarà spazio anche per materiale dallo sconfinato repertorio del gruppo, con brani da Also Sprach Zarathustra, Spectre, Sympathy for the Devil, WAT, Kapital, Volk, Laibach Revisited.